Arketipos e Comune di Bergamo presentano, dal 5 al 22 settembre 2019, la nona edizione di Landscape Festival – I Maestri del Paesaggio manifestazione diffusa che promuove natura e bellezza, attraverso un calendario open air e non solo, dedicato all’architettura del paesaggio e all’outdoor design confermando Bergamo “Città del Paesaggio“.

8 EDIZIONI: I FOCUS
2011 Il Paesaggio coltivato – Lucia Nusiner Studio GPT
2012 Orti in città – Lucia Nusiner Studio GPT
2013 Feel the water – Lucia Nusiner Studio GPT
2014 The healing landscape – Peter Fink
2015 Feeding the landscape – Andy Sturgeon
2016 The wild landscape – Stephen Tischer
2017 The cool landscape – Lodewijk Baljon
2018 Plant landscape – Piet Oudolf

2019 Pioneer Landscape – Luciano Giubbilei

Diciotto giorni per scoprire, imparare, provare, immergersi nel paesaggio, in tanti paesaggi possibili, anche grazie ad attività educational per ragazzi e adulti. Aperta a esperti e appassionati di tutte le età (bambini, adulti, famiglie) la manifestazione presenta appuntamenti, perlopiù gratuiti, tra conferenze, workshop, mostre, spettacoli, concorsi, degustazioni e laboratori.

L’obiettivo de Landscape Festival – I Maestri del Paesaggio è quello di favorire una progettazione intelligente, un’attenzione condivisa e una crescente consapevolezza, includendo il rapporto uomo, territorio e natura, la responsabilità verso l’ambiente, la sostenibilità, mobilità, funzionalità degli spazi, smart city e benessere.

Al centro: Green Square, straordinaria reinterpretazione di Piazza Vecchia; Green Design, progetto dedicato alla valorizzazione di spazi pubblici e International Meeting of the Landscape and Gardens, a cui partecipano i più importanti landscaper del mondo. Il tema del 2019 è Piooner Landscape, che vuole indagare la relazione tra l’architettura e l’ambiente naturale evocando la bellezza della vegetazione spontanea che si riappropria talvolta di spazi antropizzati.

L’installazione vuole esplorare la relazione tra architettura e ambiente naturale, evocando la bellezza della vegetazione spontanea. Attraverso il progetto, si vuole evocare quello che può essere definito il paesaggio spontaneo e pioniero, ponendo l’attenzione sul rapporto architettura e natura, invitando il fruitore a percepire le piante come entità vive e in movimento.

Luciano Giubbilei


Il protagonista di Green Square è Luciano Giubbilei.

Architetto del paesaggio italo-inglese insignito per 3 volte del premio Best in Show Chelsea Flower, è noto in tutto il mondo per l’eleganza discreta e la serenità dei suoi giardini.

«La bellezza della vegetazione pioniera e spontanea si riappropria talvolta di spazi antropizzati: nell’installazione in Piazza Vecchia le piante diventano veri e propri dispositivi dell’osservazione, proponendosi come materiale di una riflessione sul paesaggio, trasformando la piazza storica della città in uno spazio indeciso, sospeso a metà tra Città e natura».
Luciano Giubbilei

INFO: http://www.imaestridelpaesaggio.it