Il viaggio in un giardino comincia ben al di là dei suoi confini. Inizia dalle emozioni che suscita, dalla promessa di trasportare in luoghi lontani, in mondi differenti dal nostro. Questo giardino in particolare vuole rispettare questa promessa, proponendo un percorso attraverso spazi uno diverso dall’altro, ognuno con il suo carattere, dove i materiali e la vegetazione si intrecciano creando unità, bellezza e storie differenti, raccontando del territorio. Ringraziamo Land Morphology per il materiale fornitoci per questo articolo [ITA/ENG].

[ITA] InSitu Garden integra strutture paesaggistiche, piantagioni ricche ed arte per creare un giardino che ispira spiritualmente ed emotivamente. “I 3,2 ettari di InSitu sono progettati come una serie di oltre dodici stanze giardino armoniose, con una qualità spirituale che ispira il visitatore a rilassarsi e a formare una connessione più profonda con la terra”, osserva il designer Richard Hartlage. Il giardino è stato progettato in un periodo di tredici anni.

Otto giochi d’acqua fungono da punti focali, aiutando a organizzare lo spazio e ad evidenziare una collezione di arte figurativa che è collocata in tutto il paesaggio. Un giardino ribassato organizzato simmetricamente con faggi fastigiati e rose al di sotto di questi, è visibile dal cortile dell’auto, dalla casa e dalle terrazze abitative. La piscina e il giardino con fontana formale sono immersi in un paesaggio pittoresco con prati, giardini boschivi e prati. Ogni stanza offre ampie vedute sul giardino e sulle colline lontane.

L’accesso alla proprietà avviene attraverso un viale alberato in una corte di parcheggio in ghiaia rossa con una scultura centrale che indica i punti cardinali. Le principali terrazze scendono dalla casa a un grande prato progettato per l’intrattenimento. Le caratteristiche negli spazi abitativi includono un pergolato rustico ricoperto di glicine, giochi d’acqua realizzati con quercia bianca di provenienza locale e fresata e una terrazza per il pranzo ombreggiata da un faggio di 75 anni. La cucina esterna e il forno per pizza sono nascosti dietro un grande camino esterno. Otto giochi d’acqua, una cucina all’aperto, strutture ricreative, pergole, muri, portali, terrazze e passeggiate offrono un ricco mix di esperienze.

Il giardino mette in risalto l’artigianato locale, i materiali e i dettagli, sottolineando un approccio sostenibile alla costruzione e alla manutenzione continua. La pietra, compresa quella raccolta in loco e quella estratta entro 190 km dal giardino, viene utilizzata per terrazze e muri del sito. “Le piantagioni sono autoctone per oltre il 75%. Abbiamo cercato di catturare l’essenza del paesaggio del Connecticut utilizzando materiali disponibili localmente e piante originarie del nord-est, creando una profonda unità nel giardino e creando un luogo che parla della bellezza unica di la regione”, osserva Hartlage. L’enfasi sulle piante autoctone fornisce resilienza ambientale e consente al giardino di inserirsi magnificamente nella campagna del Connecticut.

Il giardino è stato progettato per riflettere un’idea progettuale semplice che si adatta bene all’ambiente circostante. Il suo carattere contemplativo e sereno offre uno spazio di intrattenimento formale e una pausa dalla vita a New York. Lo studio continua a rivedere l’intento progettuale e la manutenzione per garantire un giardino gestito in modo impeccabile che è stato definito uno dei più significativi del Connecticut.

[ENG] InSitu Garden integrates landscape structures, rich plantings and art to create a spiritually and emotionally inspiring garden. “The eight acres of InSitu are designed as a series of twelve-plus garden rooms that are harmonious with a spiritual quality that inspires the visitor to relax and form a deeper connection to the land”, notes designer Richard Hartlage. The garden was designed over a thirteen-year period.

Eight water features act as focal points, helping to organize space and highlight a collection of figurative art that is placed throughout the landscape. A symmetrically-organized sunken garden with sentinels of upright beech trees under-planted with roses is visible from the auto court, house and living terraces. The swimming pool and formal fountain garden are set in a picturesque landscape planted with meadows, woodland gardens, and lawns. Each garden room offers expansive vistas through the garden and to the distant hills.

The approach to the property is through a tree-lined lane into a red gravel-surfaced parking court with a central medallion of the cardinal points. The main living terraces step down from the house to a large lawn designed for entertaining. Features in the living spaces include a wisteria-covered rustic arbor, water feature made from locally sourced and milled white oak, and a dining terrace that is shaded by a 75-year-old copper beech tree. The outdoor kitchen and pizza oven are concealed behind a large-scale outdoor fire place. Eight water features, an outdoor kitchen, recreational facilities, arbors, walls, portals, terraces, and walks provide a rich mix of experiences.

The garden highlights local craft, materials and details, emphasizing a sustainable approach to construction and ongoing maintenance. Stone – including site-collected material and blue stone quarried within 75 miles of the garden – is used for terraces and site walls. “Plantings are more than 75% native. We tried to capture the essence of the Connecticut landscape by using locally available materials and plants native to the northeast, this create a profound unity in the garden while creating a place that speaks to the unique beauty of the region”, notes Hartlage. An emphasis on native plants provides environmental resiliency and allows the garden to fit beautifully into the Connecticut countryside.

The garden was designed to reflect a simple design motif that fits well into its surroundings. Its contemplative and beautiful character provides formal entertaining space and respite from life in New York City. The firm continues to review design intent and maintenance to assure an impeccably managed garden that has been called one of the most significant in Connecticut.

  • Project: InSitu Garden
  • Designer: Land Morphology
  • Location: Redding, Connecticut, USA
  • Year: 2005-2018
  • Land Morphology design team: Richard Hartlage / Renee Freier / Adrian Coerver
  • General Contrator: Kuczo Tree and Lawn Care
  • Stone: Pilato Brothers Stone
  • Carpentry: Summit Remodeling
  • Pools: Pinto Pools
  • Electric: Chestnut Electric
  • Irrigation and Lighting: Summer Rain Irrigation and Lighting
  • Trees: Rivendell Nursery
  • Ornamental Grasses: Kurt Blumel
  • Meadow Plants: North Creek Nursery
  • Perennials: Sunny Border
  • Photo: © Rob Cardillo Photography / Claire Takacs / Land Morphology