100 è uno studio di architettura che non fa edifici (almeno non nel modo convenzionale), ma si concentra in spazi pubblici e spazi per l’intrattenimento in tutte le sue tipologie e variazioni. Una squadra di giovani architetti creativi che concentra il loro lavoro all’incrocio tra la creazione di luoghi, la street art, l’architettura del paesaggio e gli interventi urbani, specializzati in architetture di strada e interventi urbani, oggetti architettonici sia effimeri che permanenti che incoraggiano il verificarsi di dinamiche sociali ed esperienze uniche, creando punti di riferimento su scala umana. 100 è uno studio professionale fondato nel 2013 a Shanghai ed è attualmente guidato da 3 partner – Marcial Jesus (Cile), Javier Gonzalez (Spagna) e Jenny Fan (Cina).

I loro progetti negli spazi pubblici cercano di stimolare l’utente offrendo paesaggi colorati e intricate topografie che consentono ai fruitori di interagire in modo molto più ravvicinato con gli oggetti e lo spazio, invitandoli a saltare, a sedersi, a salire, a sdraiarsi, a fare un selfie e molto altro ancora.

Planimetrai di progetto, 100 architects

Tutti i progetti di 100 sono destinati ad uso pubblico e invitano gli utenti ad interagire offrendo funzioni ed esperienze istantanee, incoraggiando la produzione di dinamiche sociali, proprio come PIXELAND: un abbellimento di spazi pubblici che comprende una combinazione di diverse strutture esterne in un unico spazio che lo rendono un piacevole paesaggio urbano, tra i quali anche nuovi giochi per bambini e funzioni per il tempo libero degli adulti.

Il progetto è ispirato al concetto digitale di pixel. Mentre un pixel è il più piccolo campione indipendente di un’immagine con le proprie informazioni sul colore RGB o CMYK, qma è anche la combinazione di numerosi pixel che risultano in una data immagine digitale.

Trasferendo questa idea alla strategia di organizzazione spaziale del progetto, 100 Architects ha pensato di creare uno spazio pubblico multifunzionale con l’aggiunta e la combinazione di pixel funzionali indipendenti più piccoli. Mentre ciascuno dei pixel ha una propria funzione e caratteristiche e può essere letto come un’entità indipendente, la combinazione di tutti questi spazi si traduce in uno spazio pubblico multifunzionale molto accattivante e giocoso.

Il pixel principale utilizzato nel nucleo del progetto è un quadrato perfetto di 5 x 5 m, lo spazio minimo per ospitare funzioni adatte a un gruppo di persone; Mentre quando ci avviciniamo ai confini, i pixel più piccoli di 2,5 x 2,5 m. e 1,25 x 1,25 m. vengono introdotti come approccio modulare per risolvere gli accessi, la circolazione pedonale e il paesaggio al confine.

Circondata da piccoli pixel di verde come soluzione di transizione per fornire privacy e sicurezza che delimitano lo spazio, la piazza è anche dotata di aree relax, aree pic-nic con posti a sedere e tavoli, strutture per fornire ombra, panchine incavate, prati inclinati per sdraiarsi e piccoli anfiteatri per riunioni.

Oltre alle funzionalità per il tempo libero, Pixeland conta anche con una vasta gamma di caratteristiche giocose sparse in giro, che culminano in un parco giochi a tema nel centro della piazza, per la gioia e l’intrattenimento dei visitatori più giovani.

La piazza a scacchi è stata sviluppata in maniera multi-livello, fornendo un’interessante topografia artificiale crescente in altezza verso il centro, dove il gioco a forma di cavallo è stato strategicamente posizionato.

Project name:Pixeland

Design:  100architects (Shanghai)

Design team: Marcial Jesús, Javier González, Stefanie Schramel, Marta Pinheiro, Lara Broglio, Mónica Páez, Keith Gong.

Client: Dongyuan Dichan (东原地产)

Size: 1,560 m2

Completion: January 2019

Location: Mianyang (Sichuan Province, China)

Photography: Amey Kandalgaonkar