Per riassumere con poche parole il progetto Wolfsputten, dello studio di architettura del paesaggio OMGEVING, si potrebbero utilizzare i seguenti termini: semplicità, sobrietà e delicatezza. Si tratta infatti di un intervento di riqualificazione di aree dove veniva estratta la pietra calcarea, caratterizzate da un paesaggio molto particolare e una vegetazione da proteggere. L’intento dei progettisti era quello di non apportare modifiche sostanziali ad un sito già di per sé unico, bensì di accostarsi alla natura dei luoghi con rispetto, esaltandola con approcci costruttivi minimi. Ringraziamo lo studio OMGEVING per il materiale fornitoci per questo articolo [ITA/ENG].

[ITA] L’area naturale Wolfsputten si trova a nord del centro di Dilbeek, a meno di un chilometro dalla tangenziale intorno a Bruxelles (R0) e tra la Ninoofsesteenweg (sud) e la linea ferroviaria Bruxelles-Aalst (nord). Al fine di migliorare l’approccio esperienziale lungo le aree di estrazione del calcare e proteggere i biotopi esistenti, il progetto si concentra su un particolare allestimento lungo le diverse aree e uno stile riconoscibile per gli ingressi.

Un’antica cava con vegetazione unica – Il Wolfsputten è un’antica cava di sabbia calcarea del tardo Medioevo che si estende a nord del centro culturale Westrand. L’area copre circa 90 ettari ed è racchiusa dalle strade d’Arconatistraat, Kloosterstraat, Dansaertlaan e Stationsstraat. Il Wolfsputten è accessibile tramite sentieri ufficiali e offre una ricca varietà di biotopi, dalle foreste alle praterie, ruscelli e campi con ogni grado di umidità e fertilità. Le sorgenti calcaree nella parte meridionale dell’area offrono una flora davvero unica con rara vegetazione che predilige terreni calcarei nella valle centrale del ruscello.

L’attività ai margini – Al fine di proteggere i preziosi biotopi, è stato deciso di spostare le attività ricreative ai bordi del sito. Al centro culturale De Westrand, l’ingresso principale del Wolfsputten è provvisto di spazio per un anfiteatro, una foresta per il gioco e un’area per passeggiare con i cani. Per gli altri ingressi, è stato sviluppato uno stile riconoscibile da una tipica identità “Wolfsputten”, facendo uso di materiali uniformi, panche robuste, punti di accesso facilmente riconoscibili e segnaletica aggiornata. Da un lato, questi interventi assicurano una maggiore coerenza e una maggioe valenza esperienziale, dall’altro rendono l’area accessibile solo per lo svago, il riposo e i veicoli della manutenzione.

Un allestimento speciale – Il progetto si concentra sul miglioramento dell’esperienza dei vari biotopi. Ad esempio, i percorsi erbosi, i percorsi con ciottoli della foresta e quelli in legno sono studiati in funzione della vegetazione esistente. Al fine di migliorare il valore esperienziale delle aree d’estrazione del calcare, nel progetto è stata utilizzata uno speciale allestimento del sito. All’interno dello spazio limitato disponibile, è stata costruita una struttura frastagliata di percorsi in tavolato tra alberi, ruscelli e pendii ripidi per guidare i visitatori lungo le varie cave di calcare. I percorsi si librano leggermente sopra il paesaggio e rendono i visitatori meno inclini a camminare al di fuori di questi.

Viene creato un aspetto interessante dando forma alle intersezioni con il torrente in diverse modalità grazie ad un sottile riferimento alle sorgenti calcaree e all’indicazione delle differenze di altezza nella valle del torrente centrale. Vicino a una sorgente di calcare inaccessibile, è stata incorporata un’attraente piattaforma panoramica. Da questa piattaforma, i visitatori possono sperimentare questo paesaggio magnificamente conservato, la sorgente e la vegetazione unica, mentre “sono sospesi” sopra queste. Il design di questa piattaforma di osservazione offre la massima attenzione alla protezione della preziosa vegetazione presente.

Una sobria raccolta di materiali – I materiali sono stati deliberatamente mantenuti sobri e limitati al fine di enfatizzare la coerenza degli interventi. Consistono in legno e acciaio resistente alle intemperie per i percorsi e la piattaforma panoramica, cemento al calcare e legno sono stati utilizzati per gli ingressi. Il risultato è un’identità riconoscibile che aumenta la coerenza del luogo ma allo stesso tempo è flessibile per personalizzare ogni intervento di progettazione e ogni particolare sito nell’area.

[ENG] The Wolfsputten nature area is located north of the centre of Dilbeek, less than one kilometre from the ring road around Brussels (R0) and between the Ninoofsesteenweg (south) and the Brussels-Aalst railway line (north). In order to enhance the experience along the limestone sources and to protect the existing biotopes, the design focuses on a special staging along the different sources and a recognizable style for the entrances.

Old quarry with unique vegetation – The Wolfsputten is a former sand-lime quarry from the late Middle Ages that stretches north of Cultural Centre Westrand. The area covers some 90 ha and is enclosed by d’Arconatistraat, Kloosterstraat, Dansaertlaan and Stationsstraat. The Wolfsputten is accessible via official footpaths and offers a rich variety of biotopes, from forests to grasslands, brooks and fields in all degrees of humidity and fertility. The calcareous springs in the southern part of the area provide a very unique flora with rare calcareous vegetation in the central brook valley.

Activities in the outskirts – In order to protect the valuable biotopes, it was decided to move the soft recreational activities to the edges. At the cultural center De Westrand, the main entrance to the Wolfsputten is provided with space for an amphitheatre, play forest and a dog walking area. For the other entrances, a recognizable style with a typical “Wolfsputten” identity has been developed, making use of uniform materials, robust benches, easily recognizable access points and up-to-date signage. On the one hand, these interventions ensure more coherence and a higher experiential value, on the other hand, they make the area accessible only for soft recreation and maintenance vehicles.

Special staging – The design focuses on enhancing the experience of the various biotopes. For example, grass paths, paths in forest pebbles and decking paths are provided in function of the existing vegetation. In order to enhance the experiential value of the limestone sources, a special staging of the site has been used in the design. Within the limited space available, a jagged structure of decking paths between trees, brook and steep slopes has been constructed to guide visitors along the various limestone sources. The paths hover slightly above the landscape and make visitors less inclined to walk off course.

A special experience is created by materialising the intersections with the stream in a different way with a subtle reference to the limestone springs and an indication of the height differences in the central stream valley. Near an inaccessible limestone spring, an attractive viewing platform has been incorporated. From this platform, visitors can experience this beautifully preserved open landscape, the spring and the unique vegetation while ‘floating’ above them. The design of this viewing platform offers maximum consideration for the protection of the valuable vegetation present.

Sober collection of materials – The materials have deliberately been kept sober and limited in order to emphasize the coherence of the interventions. They consist of wood and weatherproof steel for the decking paths and the lookout point, sand-lime concrete and wood have been used for the entrances. The results in a recognizable identity that increases the coherence in the area but at the same time is flexible to tailor each design intervention and each particular location in the area.

  • Project: The Wolfsputten
  • Designer: OMGEVING
  • Location: Dilbeek, Belgium
  • Year: 2015 (Design) / 2019 (Construction)
  • Client: Agentschap voor Natuur en Bos
  • Area: 90 ha
  • Photo: © Yannick Milpas